petizione milano musei volontari

Pubblichiamo di seguito il testo della petizione, che invieremo al Comune di Milano, che chiede di ritirare un contestatissimo bando che punta a impiegare volontari nei musei civici.
La petizione è aperta a sottoscrizioni, basta inviare una mail a lombardia.miriconosci@gmail.com

Il bando del Comune di Milano pubblicato il 10 marzo 2021, rivolto “ad organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale per attività di facilitazione alla fruizione del patrimonio culturale di alcuni istituti del Comune di Milano.” è stato contestatissimo sul web e molte sono le segnalazioni arrivate all’associazione Mi Riconosci, che si è fatta promotrice di questa petizione.

Se l’affidamento a volontari di attività importanti e cruciali quali la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale era inaccettabile in un’era pre-Covid, diventa assolutamente scandalosa in questo momento, quando lavoratori e lavoratrici del settore sono rimasti a casa per un anno, sopravvivendo con misere casse integrazioni o ristori, arrivati sempre troppo tardi (quando sono arrivati).
Come può un lavoro svolto da volontari, personale non retribuito e non qualificato, aiutare concretamente, sul lungo periodo, la ripartenza dei luoghi della cultura milanesi? Soprattutto quando quando il Comune è disposto a mettere in campo 236 mila euro.

La “contestualizzazione” fornita dal Comune di Milano sulla pagina Facebook ufficiale dell’Assessorato alla Cultura a seguito dei numerosi messaggi di protesta, in cui si precisa che si tratta di attività di supporto, non rende meno grave la scelta di attivare un bando per dei volontari, quando la realtà dei fatti di molti istituti culturali milanesi ha dimostrato come le aperture degli stessi sia demandata quasi totalmente alla sola presenza dei volontari, impiegati per sostituire personale mancante. Questo in un contesto in cui ci sono ancora graduatorie non esaurite da anni. e i dipendenti dei musei civici sono spesso assunti tramite cooperative con stipendi inadeguati.

Per questo, come professioniste e professionisti dei beni culturali, come cittadine e cittadini milanesi, chiediamo che il bando venga ritirato, perché non possiamo e non vogliamo che il nostro lavoro venga continuamente svilito e declassato, ma non solo: chiediamo un cambio di rotta da parte dell’Assessorato alla Cultura a sostegno del lavoro qualificato e correttamente retribuito nonché supporto alle professioni del settore in questo delicato periodo storico. Cambio di rotta che passa dalla regolamentazione del volontariato, strumento utile solo se utilizzato sapientemente e non come espediente per rimpiazzare personale mancante.

Chiediamo alle direttrici e ai direttori dei luoghi della cultura interessati al bando, ma non solo, di sostenere il ritiro dell’avviso pubblico in modo da porre un freno alla piaga del lavoro gratuito mascherato da volontariato.
Chiediamo a tutte le professioniste e i lavoratori di supportare tale richiesta per il bene del patrimonio culturale e del lavoro stesso e per questo abbiamo bisogno del contributo di tutte e tutti.

Le attiviste e gli attivisti di Mi Riconosci – sezione Milano

Lisa Basilico
Silvia Mazzeo
Liliana Musazzi
Annamaria Sarà
Victor Rafael Veronesi
Cristina Tagliabue
Smeralda Picerno
Elisa Cogliaghi

Altre sottoscrizioni ricevute:

Alessandra Caletti

Maura Mattacchini

Anna Maria Tamburin 

Armando Russo

Nadia Pessina

Francesco Pota

Silvia Mausoli

Roberta Cosimo

Lucia Tozzi

Giacomo Riva

Silvia Russu

Antonella Candido

Eleonora Franzon

Alessandra Cuminale

Lorenzo Rasconi

Sabrina Cernuschi

Giacomo Gramolini

Emanuela Simona Lupino

Ugo Picerno

Francesca Menapace

Simona Scipioni

Chiara Esposito

Désirée Biadigo

Jurgina Norkute

Sofia Natella

Valentina Alfinito

Manuela Pessina

Lavinia Pallotta 

Simona carioni 

Alessandro Moretto

Antonella Pelosi

Carlo Franzoso

Elena Campione

Federico Maria Giani

Lorena Trevisan

Riccardo Andujar

Angela Cerutti

Ilaria Pelosi

Annalisa Raffa

Edoardo De Cobelli

Rossana Stellato

Laura Galbusera 

Dario Mannu

Lorella Baroncelli

Alberto Scrinzi

Monia Aldieri

Antonio Alemanno

Elena Pessina

Martina Pitingaro

Laura Aiudi

Sara Giommi

Delia Carloni

Francesca Ferzoco

Antonella Ciaccia

Maurizio Ninghetto

Valentina De Vivo

Sofia Galli

Alessia Chiarenza

Sara di Martino

Veronica Sorgato

Alexis Lex Rosas

Lucia Lissi

Anna Tagliabue

Delia Fanetti  

Chiara Casuscelli

Irene Di Ruscio 

Chiara Zanini

Carla Massaro

Giorgia Chiminazzo

Elena Mazzeo

Cosma Bolgiani

Valentina Crifò

Laura Carioni

Carmine Gammarota

Leonardo Bison

Daniela Pietrangelo

Eleonora Scotto

Alessandro Fasanato

Stefania Fiegl

Marianna Sanvito

Cristina Zanarella

Ciro Scannapieco

Marco Barbiero

Rossana Astolfi

Fabiana Maiorano

Pierangelo Giacalone

Patrizia Moretto

Niccolò Moretto 

Grazia Foieni

Laura Mussi

Paolo Moretto

Manuela Maria Catone

Mauro Mazzeo

Giulia Benaia

Giorgia Anna Anfossi

Chiara Verzegnassi

Francesco Zagnoni

Roberto Cena

Carlotta Ghiretti

Tiziana Elefante

Monica Torri

Cinzia Pierucci

Laura Benitti

Paolo Masala

Monica Gervasio

Benedetta Francioni

Silvia Talevi 

Aurora Paternò

14/03

Giuseppe Valerio

Giulia Belluco

Irene Scalzi

Antonina Leone

Carmelo Crifò

Gaia Trombin

Paola Forcellini

Chiara Palombi

Silva Di Giustino

Giada Carion

Sara Vago

Valentina D’Alessandro

Deborah Robinson

Roberto Nocera

Emanuela Bergamaschi

Gianluca Musso

Anna Pifferi

Laura Zucca

Stefano Ciocchetti

Jessica Acquati

Veronica D’Archivio

Benedetta Brison

Grazia Zero

Enea Seregni

Federica Merlo

Anna Chiara Venturini

Silvia Bolzoni

Simona Debè

Valeria Angelini 

Francesco Paturzo

Paola Carlotta Sala

Giulia Moruzzi

Gianfranco Petriglieri

Caterina Lucia Cugnasco

Om Sharan Salafia

Andrea Colagrande

Chiara Campione

Costantino Marino

Valentina Turconi

Margherita Ferraiuolo

Mariaelisabetta Realini 

Guido Muratori Mezzera

Giacomo Negri

Irene Sala

Regina Mezzera

Gianantonio Muratori

Laura Baggiani

Maria Dutra

Jennifer Giordano

Virginia Girolami

Matteo Armenante 

Alessandro Vandelli

Alice Monopoli

Laura Pasqual

Camilla Bonino

Federica Guglietta

Elisa Pasqual

Maddalena Braga

Quinta Omolo

Ylenia Lo Faro

Barbara Rossi

Antonella Prete 

Arianna Rolandi 

Fernando Panetti

Vanessa Vescovi

Eleonora Confalonieri

Giulia Berra

Claudia Corti

Ornella Prato

Elena Bellini

Marco Stracciari

Maria Pia Girolami

Alessandra Cassaghi

Renato Claudio Luigi Moruzzi

Laura Tassi

Maddalena Penocchio

Federico Bassini

Elisa Marchetti

Erica Bernardi

Carla Sciannella

Achille Ferrante

Ilaria Scudeler

Annalisa Mazza

Annamaria Duello

Arabella Fossati Levi

Natascia Giancola

Giovanni Ghidinelli

Antonella Prete 

Gaia Ravalli

Cristina Chiesura

Paola Fabiano

Tiziana Cagni

Simone Introzzi

Alessandra Licini

Claudia Pessina

Serena Cutrone

Alice Chiostrini

Silvio Oggioni 

Angela Carafa

Francesca Canali

Giulio Vavassori

Elena Zanella

Filippo Simonato

Anna R.D. Perina

Emanuela Tarsi

Evelina Pasquetti

Valentina Panuccio

Beatrice Gardella

Roberto Badalamenti

Asia Graziano

Alice Moroni

Ginevra Ballati

Elena Braca

Elisa Tagliaferri 

Jessica Lombardo

Floriana Iacona

Francesca Caresani 

Lucia Pagliano

Veronica Zimbardi

Silvana Boccanfuso

Marco Godino 

Laura Siracusano

Irene Dominioni 

Sara Molho

Matilde Arena

Emma Molignoni

Viola Pierozzi

Monica Ghellar

Elisa Curti

Cristina Gallistru 

Sabrina Nobile

Francesca Barchiesi

Martina Galli

Marica Magni

Borrini Manuela 

Angela Maderna

Stefania Gattuso

Clara Parisi

Natasha Bellosi

Elenco in aggiornamento, per sottoscrivere mandare una mail a lombardia.miriconosci@gmail.com


6 Comments

Marta Scrinzi · 13 Marzo 2021 at 13:43

Il volontariato dovrebbe essere tolto ovunque! Che lo stato si prenda la responsabilità di fare una politica attiva per lo sviluppo del lavoro invece di gongolarsi per il nostro volontariato attivo! Soprattutto in certi settori è sbagliato sostituire la figura di un lavoratore competente e retribuito. Create lavoro invece di fermarlo!

Marco Di Sario · 13 Marzo 2021 at 15:57

A furia di “risparmiare” sui servizi (già scandalosamente inadeguati) si finirà per svilire definitivamente un lavoro che non ha mai avuto una connotazione precisa nella mente dei politici che dovrebbero occuparsene, e per questo mai debitamente rispettato.
Abbiamo visto di tutto: cooperative mafiose che offrono “stipendi” da codice penale, settori “culturali” di grandi brand che hanno combinato disastri nella gestione dei musei (e profumatamente pagati dal comune che in questo caso non ha badato a spese), enti improvvisati sostenuti dalla politica incapaci di gestire alcunché… e invece di invertire la tendenza si continua verso l’abisso. Incompetenza, presunzione e lavoratori che vorrebbero finalmente far parte di una realtà seria nel paese che retoricamente è considerato quello con la più alta densità di produzione artistica nel mondo. Mah…

    Carmen Marino · 14 Marzo 2021 at 15:31

    Dobbiamo riconoscere il valore di ogni professione e non svilirlo sostituendo ai titolari di un corso di studi o laurea o albo professionale un’altra persona solo perché questa non chiede il suo giusto compenso.
    Dobbiamo creare lavoro, lavoro qualificato e giustamente retribuito, ora più che mai.

Roberto · 14 Marzo 2021 at 09:10

Il volontariato NON deve sostituire il
Lavoro e soprattutto nel caso delle Guide Turistiche non può : impensabile a chi come noi studiamo duramente per divulgare cultura bellezza arte a tutti

Debora Froldi · 14 Marzo 2021 at 14:49

E’ora che le istituzioni la smettano di appoggiarsi ai volontari per non investire in settori cruciali quali l assistenza ospedaliera e non è la promozione della cultura.noi paghiamo le tasse affinché vengano investiti sempre di più e meglio i nostri soldi per avere personale qualificato, correttamente retribuito e motivato e responsabilizzato, NON sfruttato

Corrado · 20 Marzo 2021 at 21:02

Il lavoro tutto non può essere sostituito dal volontariato così facendo si svilisce il lavoro ma anche il senso nobile del volontariato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *